Walking: muoversi bene e perdere peso

La nuova disciplina del walking ci insegna a perdere peso camminando bene e correggendo la postura sbagliata.

Naturale come una passeggiata, efficace come una seduta di fitness. È il walking, la pratica sportiva per muoversi bene e perdere peso. La routine, quando è sedentaria, ci fa spesso trascurare i benefici del camminare, sia per la salute del corpo sia per il benessere della mente.

Il walking, riferito alla pratica sportiva, non indica altro che questo: un insieme di vantaggi psicofisici ottenuti con la camminata. Passo dopo passo è possibile bruciare calorie, attivare la circolazione sanguigna, rilassarsi allontanando lo stress. Il walking ha perfezionato alcuni dei movimenti naturali per il corpo, per ottenerne a livello fitness i massimi vantaggi con il minimo sforzo. Questa pratica infatti è adatta a tutti, anche a quelli che “io in palestra giammai”. Il walking infatti si può praticare anche all’aria aperta, lontani da tapis roulant e costosi abbonamenti mensili. Insomma, non ci sono scuse per non praticarlo.

Vediamone dunque i benefici.

Walking, perdere perso e muoversi bene fuori casa

Se lo si pratica all’aria aperta, il walking richiede solo un abbigliamento comodo e scarpe da ginnastica. Si parte dandosi un ritmo da seguire, che poi deve rimanere costante dall’inizio alla fine del percorso. Si può decidere di indossare delle cuffiette per ascoltare la propria musica preferita a patto che non ci si distragga dal lavoro delle proprie gambe.

Mantenere costante il passo fino al traguardo è importante: soprattutto all’inizio, quando si è meno stanchi, si avrà la tendenza ad accelerare. È bene invece risparmiare le energie per utilizzarle piano piano. Con la camminata infatti si cominciano a bruciare calorie dopo 20 minuti dall’inizio dell’attività. Ma superata la fase di riscaldamento gli effetti dimagranti sono potenti, l’importante è non arrendersi subito e proseguire per almeno un’ora al passo che ci si è dati.

I benefici riguarderanno si è detto il corpo e la mente: via le calorie in eccesso, via la cellulite, via lo stress. In più ci si allena, aumenta la resistenza muscolare, il respiro si regolarizza, la pressione si stabilizza, il battito cardiaco anche, i pensieri si distendono e si torna a casa più sereni.

 Il walking in palestra

Il fitness ha fatto sua una naturale azione del corpo umano, quella del camminare sfruttando però le possibilità offerte in palestra dal tapis roulant. I classici corsi di walking consistono allora nell’effettuare una serie di esercizi mentre si cammina (anche per vivacizzare e arricchire la semplice camminata) utilizzando anche i pesi.

In questo modo si può allenare, mentre ci si muove con le gambe, anche la parte superiore del corpo. Il macchinario inoltre consente di modificare le inclinazioni del percorso, inserendo salite e discese immaginarie che rendono più efficace l’esercizio. Dopo qualche tempo e un po’ di pazienza arrivano i risultati: perdita di peso corporeo, gambe e glutei più sodi, muscoli tonici, aumento della forza muscolare.

Ovviamente, il periodo di training va accompagnato da una dieta adeguata, con pochi grassi. L’allenamento è lungo ma dinamico, la musica può aiutare a portarlo avanti più piacevolmente. Importante però è non distrarsi dall’esercizio e dal proprio corpo: curare sempre la postura, mantenere la schiena dritta e appoggiare bene il piede quando si cammina accompagnandosi con il movimento delle braccia.

Leggi l'articolo su PagineMediche