Latte materno o artificiale, quale scegliere?

Latte materno e latte artificiale non sono equivalenti. Andrà sempre scelto l’allattamento al seno e solamente in caso di necessità ricorrere a quello artificiale.

La neomamma che si trova a dover scegliere tra l’allattamento con latte materno o con latte artificiale deve sapere che il latte materno è l'alimento ideale per le necessità di crescita del suo bambino e solamente in caso di necessità va sostituito con quello artificiale.

I benefici del latte materno

Il latte materno rappresenta l’alimento più completo per i neonati perché contiene tutti i nutrienti di cui hanno bisogno nella prima fase della loro vita.

Secondo le indicazioni dell’OMS - Organizzazione Mondiale della Sanità, condivise anche dal Ministero della Salute, l’allattamento al seno dovrebbe essere effettuato, in maniera esclusiva, nei primi 6 mesi di vita e può essere continuato, anche dopo lo svezzamento, per 2 anni ed oltre, secondo il desiderio della mamma e del bambino.

Il latte materno è un tessuto vivente, come il sangue, i cui componenti (cellule, ferro, ormoni, vitamine, fattori di crescita ecc.) si modificano continuamente, di mese in mese, di giorno in giorno, nel corso della stessa giornata e anche durante una poppata, per adeguarsi perfettamente alle esigenze del bambino e della mamma.

Allattare inoltre, protegge la donna dal tumore al seno, alle ovaie e dall’osteoporosi in età avanzata.

Latte materno e i suoi nutrienti

Il latte materno è composto da nutrienti specifici perfettamente adeguati ai bisogni del bambino: dal colostro che ricopre e protegge la mucosa gastrica del neonato al latte maturo che aiuta il bambino a crescere forte.

Ogni goccia del latte materno contiene carboidrati, proteine, grassi così composti:

  • lattosio, che fornisce da solo il 40% dell’apporto nutritivo, fondamentale per lo sviluppo cerebrale del neonato insieme agli oligosaccaridi, indispensabili per la protezione dalle infezioni intestinali;
  • caseina, la proteina più importante del latte materno che svolge importanti funzioni antibatteriche e le sieroproteine che lo rendono molto digeribile;
  • acidi grassi essenziali e polinsaturi, fondamentali per lo sviluppo del cervello e del sistema nervoso, che dipendono in parte dall’alimentazione della donna.

Inoltre, contiene sostanze bioattive e immunologiche che proteggono il bambino da eventuali infezioni batteriche e virali (che non si trovano nei sostituti artificiali), riducendo l’incidenza e la durata di gastroenteriti, infezioni respiratorie, allergie e aiutano anche lo sviluppo intestinale.

Latte artificiale, cosa contiene?

Generalmente, il latte artificiale per neonati è composto da latte di vaccino scremato lavorato con emulsionanti e stabilizzanti che emulano quanto più possibile le caratteristiche del latte materno.

Da sempre la ricerca scientifica tenta di migliorarsi con formulati a base di lattosio, oli vegetali, acidi grassi, vitamine e minerali, enzimi e aminoacidi, studiati appositamente per contrastare problemi come coliche o stipsi ma anche prive di lattosio per i soggetti allergici, oppure a base di proteine per la crescita, ma il gap qualitativo con il latte materno resta incolmabile.

Tuttavia, rappresenta l’alternativa più adeguata e sicura laddove l’allattamento non sia possibile o ci sia bisogno di un’integrazione.

I dubbi delle neomamme alle prese con l’allattamento

Molte giovani donne alle prese con il primo figlio sono convinte di non avere abbastanza latte per nutrire adeguatamente il proprio figlio. Si tratta, nella maggior parte dei casi, di paure infondate perché solamente l'1% delle neomamme ha veramente problemi che impediscono al bambino di nutrirsi dal seno. Per tutte le altre, è solo una questione di tempo.

L'importante è non scoraggiarsi e favorire pazientemente la suzione continua del piccolo, in modo da “allenare il cervello” a produrre tutto il latte di cui necessita per crescere in salute.

Qualora si scegliesse l’allattamento con latte artificiale è bene ricordare che nonostante fornisca energia, idratazione e sostanze nutritive, esso non è in grado di eguagliare i benefici per la salute offerti dal latte materno.

In caso di dubbi è utile chiedere una consulenza medica via chat su Paginemediche.

Leggi l'articolo su PagineMediche