Psicosomatica: la connessione tra corpo ed emozioni

I disturbi psicosomatici possono riguardare qualunque parte del corpo e sono malattie che possono comportare patologie fisiche anche gravi.

Le emozioni, giornalmente, hanno un impatto importante sul nostro corpo. Ogni reazione che sviluppiamo rispetto a un determinato avvenimento, ogni tensione, viene registrata dal sistema neurovegetativo e dai neurotrasmettitori, dal sistema endocrino e dagli ormoni.

Per fare un quadro completo che mette insieme le relazioni tra gli organi, la colonna vertebrale e le emozioni bisogna fare un’analisi completa attraverso l’osservazione neurolinguistica, l’analisi sistemica, la lettura del corpo, la corrispondenza degli organi con l’emozione.

Nodi emotivi che generano dolore

Prendendo in considerazione un episodio già registrato nella memoria emozionale sotto forma di trauma mal gestito, gli avvenimenti vissuti dalla persona possono scatenare reazioni somatiche del corpo a cui viene dato il nome di malattie psicosomatiche.

Il corpo umano funziona in base a meccanismi automatici permanenti, determinati dallo stress e dalle tensioni emozionali a cui siamo continuamente sottoposti. Sappiamo ad esempio che lo stress provoca disfunzioni a livello del sistema digestivo ed endocrino. Se vogliamo trattare questa condizione, che è la causa di molte disfunzioni nel corpo (costipazione, ulcere, gastrite, diarrea, emicranie, depressione, perdita di energia), è importante trovare il nodo emotivo ovvero gli avvenimenti del passato che hanno determinato tale situazione, cercando di gestire meglio le emozioni ed eliminando quelle negative tramite un lavoro corporeo.

Ogni individuo si codifica in base alle emozioni che ha vissuto, sia positive sia negative. Questo gli permetterà poi di affrontare le paure impresse in lui e di cui è prigioniero. Sappiamo benissimo che tendiamo a ripetere i comportamenti acquisiti perché sono meccanismi che abbiamo ormai scritto nel nostro bagaglio emotivo e comportamentale quindi ripeteremo all’infinito questo processo finché non capiremo che dobbiamo cambiare modo di risolvere le problematiche, in modo diverso da quello che abbiamo fatto sinora.

Come ripristinare l'equilibrio tra corpo e mente

Il disturbo psicosomatico è la risposta fisica a un disagio psicologico. In particolare, una situazione di maggior stress e ansia oppure una costante paura possono inficiare il fisico e rappresentare un campanello d’allarme per un disagio più profondo.

Dobbiamo dare al corpo la possibilità di liberarsi dalle tensioni accumulate, dalla pesantezza di vecchi fardelli emozionali mai espulsi completamente. La liberazione dalla rabbia repressa e dal dolore rende il corpo armonico, tonico, la pelle liscia.

Partendo dalla lettura del corpo umano, dal volto, per arrivare poi alla posizione della colonna vertebrale; quello che si può fare è un’analisi dei traumi oppure delle lesioni che potrebbero determinare la corrispondenza della relazione corpo ed emozioni.

Ad esempio, il dolore psicosomatico alla vertebra lombare L5 indica una difficoltà nella comunicazione o, ancora, quello alla vertebra dorsale D12 potrebbe dipendere dalla paura di non essere perfetti.

Cosa si può fare? Il suggerimento è di scaricare le tensioni emotive, ripristinare un equilibrio mente-corpo. Bisogna riconoscere le proprie emozioni attraverso un lavoro corporeo guidato da un professionista; in questo modo sarà possibile per noi liberarci di tensioni muscolari, blocchi emotivi, emozioni non espresse, togliere schemi e meccanismi che bloccano il flusso dell’energia del corpo, per poter poi vivere liberamente.

Leggi l'articolo su PagineMediche